Come si coniugano gli Aggettivi in Giapponese

Author Anna Baffa Volpe for article 'Come si coniugano gli Aggettivi in Giapponese'

Anna Baffa Volpe

8 min di lettura

Aggiornato al 28 febbraio 2022

Gli aggettivi in giapponese funzionano e si coniugano come i verbi.

E’ un aspetto che differisce da molte lingue occidentali che studiamo e in molti genera anche delle perplessità, ma una volta appresa la forma ne diventerà naturale anche l’utilizzo.

Aggettivi che terminano in “i” o “ii”

Come per tutte le coniugazioni in Giapponese, possiamo distinguere due possibili forme

  • Informale (o piana)

  • Formale (o cortese)

Utilizzo informale

L'utilizzo informale viene usato in situazioni confidenziali, amicali, all’interno della famiglia.

Presente affermativo

Termina in “i” oppure in “ii”: (とお)い (è lontano)

Presente negativo

Si omette la “i” finale e si aggiunge くない: (とお)くない (non è lontano)

Passato affermativo

Si omette la “i” finale e aggiunge かった: (とお)かった (era lontano)

Passato negativo

Si omette la “i” finale e aggiunge くなかった: (とお)くなかった (non era lontano)

Utilizzo formale

Utilizzo formale viene usato in ambiente al di fuori della nostra famiglia o cerchia di amici, in ambiente di lavoro verso i superiori, in situazioni di interazione con persone sconosciute, e in generale dove si ritiene adeguato un linguaggio cortese.

La forma cortese è un concetto unico della lingua Giapponese rispetto a molte lingue occidentali

Per questa forma è sufficiente aggiungere です dopo l’espressione informale.

Per la forma negativa abbiamo anche l'alternativa dell’utilizzo di ありません, che è il negativo presente in forma cortese di ない (non esistere), e ありませんでした, che è invece negativo passato cortese di なかった.

Presente affermativo

(とお)いです (です)

Presente negativo

(とお)くないです (くないです)

(とお)くありません (くありません)

Passato affermativo

(とお)かったです (かったです)

Passato negativo

(とお)くなかったです (くなかったです)

(とお)くありませんでした (くありませんでした)

Impara qualcosa di nuovo ogni settimana 🇯🇵 🇮🇹

Ogni settimana nuovi spunti, notizie e spiegazioni sulla lingua Giapponese, direttamente sulla tua email 📧

L’aggettivo abbiamo visto in precedenza può essere utilizzato con:

  • Funzione attributiva quando precede il sostantivo cui si riferisce

  • Funzione predicativa quando è posto a fine frase come accade per il predicato verbale

(とお)(まち)

Una città lontana

Attributivo

(とお)(まち) (una città lontana)

(とお)くない(まち) (una città non lontana)

(とお)かった(まち) (una città lontana)

(とお)くなかった(まち) (una città non lontana)

Predicativo

あの(まち)(とお)い (quella città è lontana)

あの(まち)(とお)くない (quella città non è lontana)

あの(まち)(とお)かった (quella città era lontana)

あの(まち)(とお)くなかった (quella città non era lontana)

Aggettivi in “na”

Abbiamo poi gli aggettivi in “na”, che qualche grammatica definisce come “falsi aggettivi” in quanto si comportano come i sostantivi nella loro forma base. Infatti, l'aggiunta del “na” (な) serve per modificare il sostantivo che segue.

(ゆう)(めい)()(しゅ)

Un cantante famoso

Per coniugare questi aggettivi il suffisso “na” viene omesso e seguono le varie forme del verbo essere:

  • だった (Passato)

  • じゃない (Non passato negativo)

  • じゃなかった (Passato negativo)

Presente affermativo

(ゆう)(めい)な (famoso)

Presente negativo

(ゆう)(めい)じゃない (non famoso)

Passato affermativo

(ゆう)(めい)だった (che era famoso)

Passato negativo

(ゆう)(めい)じゃなかった (che non era famoso)

La forma che abbiamo visto si utilizza nella funzione attributiva dell’aggettivo, cioè in unione con un sostantivo cui si riferisce direttamente. Vediamo degli esempi che rendono più chiaro l’utilizzo:

(ちか)(まち)

Una città vicina

(ちか)くない()(しょ)

Un posto non vicino

美味(おい)しいアイスクリーム

Un buon gelato

美味(おい)しかった(りょう)()

Una pietanza gustosa (che era gustosa)

(しん)(せつ)(ひと)

Una persona gentile

(しん)(せつ)だった人

Una persona gentile (che era stata gentile)

(むず)かしくなかったテスト

Un esame non difficile (che non era difficile)

Vediamo ora la funzione predicativa degli aggettivi, quando cioè sono posti alla fine della frase e assumono la funzione di predicato.

E’ un passaggio molto semplice in quanto cambia solo la posizione degli elementi, ma le forme rimangono esattamente le stesse dell’utilizzo attributivo.

(ちか)(まち)

Una città vicina

(まち)(ちか)いだ

La città è vicina

(ちか)くない()(しょ)

Un posto non vicino

()(しょ)(ちか)くない

Il posto non è lontano

(しん)(せつ)(ひと)

Una persona gentile

(ひと)(しん)(せつ)

La persona è gentile

Il suffisso “na” cade e viene sostituito da だ (il verbo essere)

(むず)かしくなかったテスト

Un esame non difficile (che non era difficile)

テストは(むず)かしくなかった

L’esame non era difficile

Attributivo

(ゆう)(めい)な人 (un cantante famoso)

(ゆう)(めい)じゃない人 (un cantante non famoso)

(ゆう)(めい)だった人 (un cantante che era famoso)

(ゆう)(めい)じゃなかった人 (un cantante che non era famoso)

Predicativo

あの歌手は有名だ (quel cantante è famoso)

あの歌手は有名じゃない (quel cantante non è famoso)

あの歌手は有名だった (quel cantante era famoso)

あの歌手は有名じゃなかった (quel cantante non era famoso)


Per l’utilizzo formale basta riportare le forme cortesi del verbo だ (essere):

  • です (Non passato)

  • じゃありません (Negativo non passato)

  • でした (Passato)

  • じゃありませんでした (Negativo passato)

あの()(しゅ)(ゆう)(めい)です。

Quel cantante è famoso.

あの(まち)はとても(しず)かでした。

Quella città era molto tranquilla.


Ecco alcune frasi in cui compaiono vari aggettivi e in varie forme, proviamo a riconoscerne le forme!

今日(きょう)(さむ)()

Oggi è un giorno freddo

あの()(しゅ)(ゆう)(めい)

Quel cantante è famoso

あの(まち)はとても(しず)かだった

Quella città era molto tranquilla

()(てき)(ふく)だ!

Che bel vestito!

(つめ)たい()(もの)()しい!

Che voglia di una bibita fredda!

(たか)()(ちん)(ほん)(とう)()()

Un affitto caro è davvero uno spreco


Questo è tutto anche per questa seconda parte introduttiva sugli aggettivi in Giapponese. Se ti interessa imparare di più e vuoi rimanere aggiornato sui prossimo post, iscriviti alla newsletter qui in basso 👇

Impara qualcosa di nuovo ogni settimana 🇯🇵 🇮🇹

Ogni settimana nuovi spunti, notizie e spiegazioni sulla lingua Giapponese, direttamente sulla tua email 📧