Ricevere in Giapponese - I verbi いただく e もらう

Author Anna Baffa Volpe for article 'Ricevere in Giapponese - I verbi いただく e もらう'

Anna Baffa Volpe

6 min di lettura

Aggiornato al 29 dicembre 2022

Analizziamo insieme oggi i verbi che rientrano nella categoria del dare e ricevere. In particolar modo in questo post il verbo ricevere nelle forme もらう morau e (いただ)itadaku.


I verbi che esprimono dare e ricevere

I verbi che traducono il dare e il ricevere vengono chiamati in giapponese やりもらい oppure (じゅ)(じゅ)

  • やりもらう yari (da yaru dare) e morau (ricevere)
  • (じゅ)(じゅ) juju è un sostantivo che significa il dare e il ricevere, il trasferire

I 2 verbi che andiamo a sviluppare sono:

  • もらう morau, ricevere
  • (いただ)itadaku, ricevere

Prima di addentrarci in un discorso puramente grammaticale e strutturale, occorre richiamare come abbiamo fatto anche in altri post alcuni elementi della cultura giapponese. Aspetti che caratterizzano le relazioni interpersonali giapponesi.

(じょう)()(かん)(けい) le relazioni verticali, la gerarchia

  • 上 indica il sopra, la parte superiore
  • 下 esprime il sotto, la parte inferiore
  • (かん)(けい) kankei, il rapporto, la relazione

Uchi e Soto

Questi due termini sono fondamentali per comprendere le relazioni delle persone all'interno del gruppo e soprattutto per decidere quale registro linguistico utilizzare.

  • uchi, significa dentro, interno e casa e riguarda la mia sfera personale, la famiglia, gli amici e i colleghi, le persone con cui ho confidenza, le persone vicine a me.
  • soto indica il fuori. Rappresenta tutte le persone al di fuori di uchi: conoscenti, estranei, persone con cui non si ha una relazione intima di fiducia e con cui è opportuno mantenere una certa distanza.

Verbo ricevere espresso da (いただ)

Quando andiamo a cercare (いただ)く sul dizionario troviamo il sinonimo もらう in quanto ambedue esprimono il verbo ricevere.

Itadaku è una forma che rientra nel linguaggio keigo, 敬語, il linguaggio onorifico e viene utilizzata verso le persone che si trovano in una posizione sociale superiore rispetto alla nostra.

Itadaku appartiene al linguaggio keigo chiamato (けん)(じょう)() o linguaggio umile

Premium

Complete access to all the material published in the past and published new every week. Many more audio resources: listen to original audio sentences and dialogues with captions and explanations. Full dialogues to explain every grammar, word, or kanji in the details in a real Japanese context.

Questo contenuto è bloccato

Sblocca questo, oltre a molte altre frasi di esempio, dialoghi, audio, video, e esercizi 👇

Sblocca risorse

Le persone da cui riceviamo un bene o un servizio, possono essere i nostri insegnanti, i nostri titolari, le persone che non conosciamo e verso cui riteniamo opportuno utilizzare espressioni onorifiche.

()(うえ)(かた) me ue no kata oppure ()(うえ)(ひと) me ue no hito rappresentano i superiori

  • Lo stesso termine 方 kata nel significato di persona, denota rispetto a 人 hito, cortesia e deferenza.

この(かた)(まつ)(もと)さんです。

Questa persona è il Signor Matsumoto.

Esempi con itadaku

(しゃ)(ちょう)からボーナスを(いただ)いた。

Ho ricevuto un bonus dal Presidente.

(けっ)(こん)(しき)()()(もの)(いただ)いた。

Ho ricevuto la bomboniera al matrimonio.

  • In questa frase non viene espresso apertamente il soggetto, ma trattandosi di un ricevimento di nozze, capiamo che ci troviamo in una situazione importante e formale e preferiamo usare quindi i verbi che rientrano nel linguaggio onorifico.

Itadaku nei convenevoli

Una delle prime espressioni che apprendiamo soprattutto nella vita quotidiana in Giappone è:

(いただ)きます!

Buon appetito.

  • Ora siamo anche in grado di capire che la traduzione va oltre il "buon appetito".

Con itadakimasu, esprimo la gratitudine verso il Creato che ci nutre con i frutti della Terra e la riconoscenza verso la persona che cucina il cibo per noi.

Espressioni formali nelle comunicazioni scritte

Premium

Complete access to all the material published in the past and published new every week. Many more audio resources: listen to original audio sentences and dialogues with captions and explanations. Full dialogues to explain every grammar, word, or kanji in the details in a real Japanese context.

Questo contenuto è bloccato

Sblocca questo, oltre a molte altre frasi di esempio, dialoghi, audio, video, e esercizi 👇

Sblocca risorse

Forma in ていただく

Riporto ora vari esempi sull'utilizzo di 頂く nella sua forma in te.

  • in questo caso riceviamo gli effetti di un'azione, quello che scaturisce da un'azione compiuta dall'altra persona e da cui riceviamo beneficio.

ガイドさんにお(しろ)(あん)(ない)をして(いただ)きました。

Una guida ci ha accompagnato nella visita del castello.

Verbo ricevere espresso da もらう

Passiamo ora al secondo verbo che traduce ricevere in giapponese: もらう morau. Utilizzo questa forma quando:

  • io o un membro del mio gruppo uchi, riceve ⇦ da una persona della cerchia soto
  • un membro di uchi ⇦ riceve da un membro uchi
  • un membro di soto ⇦ riceve da un membro di soto

(わたし)(とも)(だち)(たん)(じょう)()プレゼントをもらいました。

Ho ricevuto da un amico un regalo per il mio compleanno.

クリスマスにもらったバッグは、とても()(てき)です。

La borsa che ho ricevuto per Natale è davvero bella.

Morau e Itadaku richiedono la particella に o から?

Premium

Complete access to all the material published in the past and published new every week. Many more audio resources: listen to original audio sentences and dialogues with captions and explanations. Full dialogues to explain every grammar, word, or kanji in the details in a real Japanese context.

Questo contenuto è bloccato

Sblocca questo, oltre a molte altre frasi di esempio, dialoghi, audio, video, e esercizi 👇

Sblocca risorse

(ぼく)はいつも(はは)から()(づか)いをもらう。

Ricevo sempre la paghetta da mia mamma.

Forma in てもらう

Anche per il verbo もらう troviamo largo uso della forma in te.

  • Ricordiamo come anticipato che utilizzo morau e temorau quando le azioni riguardano i membri di uno stesso gruppo:
  • membro uchi verso membro uchi
  • membro soto verso membro soto

Riporto il titolo di un post giapponese pubblicato in rete:

Frase
Titolo del post
  • (きん)(じょ) kinjo è un sostantivo che indica la vicinanza, la prossimità
  • ご近所さん go kinjo san con prefisso o e suffisso san, rappresenta così i vicini, le persone del vicinato
  • (たす)けてもらった la forma in te di tasukeru essere di aiuto, di ausilio e unita a morau significa quindi ricevere l'aiuto da parte dei vicini

Nel post pubblicato si chiede: ti è mai capitato di ricevere aiuto da parte dei vicini? e si condividono le varie esperienze.

(とも)(だち)にバイクを(しゅう)()してもらった。

Un amico mi ha riparato la moto.

  • Traduzione: come vedete la traduzione è ribaltata rispetto all'originale. L'elemento che indica la provenienza, l'origine dell'azione diventa il soggetto.

Seguendo puntualmente il testo:

  • Io mi sono fatto riparare la bicicletta da un amico;
  • Io ho ricevuto la cortesia da parte di un amico di...

(とう)さんに(えき)まで(むか)えに()てもらった。

Mio papà è venuto a prendermi alla stazione.


Ecco altri spunti per approfondire queste forme verbali indispensabili in vari momenti della vita quotidiana; nel contesto familiare, amicale e anche professionale.

それではまた!

Impara qualcosa di nuovo ogni settimana 🇯🇵 🇮🇹

Ogni settimana nuovi spunti, notizie e spiegazioni sulla lingua Giapponese, direttamente sulla tua email 📧